Month: Maggio 2014

13. THOMAS RUFF, m.d.p.n.

Stanza 13
Formatosi alla Scuola di Dà¼sseldorf, avendo come maestri i coniugi Hilla e Bernd Becker di cui erediterà  la cattedra, Thomas Ruff ne fa proprio il rigore metodologico, sviluppando un linguaggio autonomo grazie all’introduzione del colore, alla manipolazione fotografica, all’utilizzo delle nuove tecnologie. La serie m.d.p.n., realizzata nel 2002, prende in esame il mercato del pesce di Napoli (le lettere che compongono il titolo sono, infatti, le iniziali), un edificio realizzato tra il 1929 e il 1934 su progetto di Luigi Cosenza, diventato un esempio di architettura razionalista nella città . È lo stesso periodo in cui Antonio Cassi Ramelli progetta l’ampliamento di Casa Testori: il salone, la veranda e le stanze sovrastanti vedono la luce negli anni Trenta.

Thomas Ruff, nato nel 1958

12 MARCO DE SANCTIS, Rèminescences

Stanza 12
Nel solaio di una casa un tempo abitata da un artista, Marco De Sanctis ha trovato alcune tele preparate dal pittore, ma non ancora dipinte. Raschiando lo strato preparatorio fino ad arrivare alla base, emerge L’idea che fu, che si srotola nello spazio, senza farsi afferrare. Una linearità  che ritorna come elemento conduttore nella produzione dell’artista e che conduce dalla Tapisserie disegnata con minuzia e pazienza su carta riprendendo lo stesso motivo del tappeto tratteggiato sull’incisione d’après Ingres, restaurata dall’artista, al certificato d’autenticità  della preziosa incisione a bulino, che De Sanctis ha trascritto, a matita, sulla parete della stanza.

Marco De Sanctis, nato nel 1983 a Milano, vive e lavora tra Bruxell e l’Italia

10. ANTHONY ZINONOS, Gabriella’s glow

Stanza 10
Anthony Zinonos ha cominciato a chiamare Gabriella Testori Bernardini soltanto Lella.
Pronunciato con il suo accento inglese e con la familiarità  di chi ne ha accarezzato per giorni le fotografie in bianco e nero, di chi ha fatto propri i racconti altrui e ha partecipato con l’immaginazione a feste, cene e viaggi. Avrebbe voluto conoscerla personalmente e ridere insieme a lei come faceva con il fratello Giovanni e vorrebbe, un giorno, farsi guardare da una donna come lei guardava il marito Carlo.
La family room di Casa Testori ospita un omaggio alla sorella minore di Giovanni Testori, scomparsa il 2 marzo 2014, affidato ai collage di Anthony Zinonos, in cui la sovrapposizione di livelli di carta entra in dialogo con la sottrazione di intonaco della grande opera permanente di Andrea Mastrovito.

Anthony Zinonos, Nasce in South Africa nel 1981, vive e lavora a Norwich (uk)

11. ANDREA BRUSCHI, Cosenz54

Stanza 11
In via Cosenz al numero 54, a Milano, c’è un cantiere. Andrea Bruschi ne ha seguito l’evoluzione giorno dopo giorno, immortalandone le lente modifiche come variazioni di colori e di forme. L’immagine di partenza non è più riconoscibile, si intravedono solo incroci di linee e fughe prospettiche che avvicinano i suoi quadri all’astrazione. L’uso della fodera come supporto, anzichè la più comune tela, conferisce alle opere energia, trasparenza e luminosità , accentuate dagli strati di resina, trasformandole in una riflessione sulla luce.
Febbraio è un calendario sentimentale: è il mese in cui l’artista è stato invitato a partecipare a Giorni Felici.

 

9. AMEDEO ABELLO, Le voyeur

Stanza 9
Due amanti si baciano, di notte, davanti alla finestra di un palazzo di Parigi. Pare la scena di un film, invece è un frammento di realtà  che Amedeo Abello è riuscito a catturare con la sua macchina fotografica analogica, entrando per un attimo nella vita privata di un interno domestico.
Il suo sguardo si è rivolto all’esterno, invece, per Photomaton, in cui l’artista ha immortalato i passanti delle stazioni della metropolitana parigina grazie alle cabine fotografiche e a uno specchio inclinato di 45°, senza poter controllare il soggetto dello scatto. Le fototessere sono ritratti di estranei inconsapevoli, scelti dal caso.

Amedeo Abello, nato nel 1986,  vive e lavora a Torino

8. DIEGO MARCON, Interlude

Stanza 8
Dick è un soldato. Seduto su uno sgabello davanti a una tenda, sta pulendo il suo stivale.
Intorno, il nulla. Interlude parte proprio dal nulla e dal silenzio, che, nell’allestimento ideato per la mostra, superano i confini dello schermo, per proseguire nella veranda di Casa Testori. Uno spazio semicircolare e rigoroso, che si colloca idealmente al centro dei punti cardinali elencati da Diego Marcon, nel video interamente sonorizzato dalla voce dell’artista. Il punto di partenza del racconto, suddiviso in tre atti di pochi secondi, è la prefazione di Specie di spazi, di Georges Perec, in cui la descrizione pedissequa dei dettagli di un ambiente diviene condizione per afferrarne la complessità : un paradosso rispetto al vuoto in cui Dick e il visitatore si trovano.

Diego Marcon, 1985

7. MARTIN DISLER, Vortici di conoscenza

Stanza 7
Il rapporto che Disler stabilisce col visitatore è una chiamata e, nello stesso tempo, una lotta; un abbraccio e, nello stesso tempo, una tortura. Questo è talmente vero quando cerchiamo di voltar via gli occhi per difenderci da una così affascinante spira: in quel suo chiamarci e trascinarci dentro il risucchio. Allora, piano, piano, sedotti da una bellezza pittorica che ha, oggi, pochi uguali, cominciamo a capire che, al fondo di quel delirio e di quella lotta, Disler sta rintracciando anche per noi i termini di un ordine arcano e misterioso; quell’ordine che sopravvive alle frantumazioni e al caos; quell’ordine che, proprio tramite i segni e i colori, compie su di sè la prova estrema e sacrificale della sua inevitabilità “.
Era il 1987 e Giovanni Testori, recensendo sul “Corriere della Sera” la personale dell’artista svizzero (1949-1996) allo Studio d’arte Cannaviello di Milano, riconosceva in lui una delle voci più significative della pittura europea degli anni Ottanta.

Martin Disler  (1949-1996)

 

6. CHIARA BRIGANTI, Esprit de fenàªtre

Stanza 6
Chiara Briganti realizza le sue scatole magiche dagli anni Settanta e, a oltre novant’anni, ancora assembla microcosmi che riassumono in pochi centimetri racconti, sogni, ossessioni. Ogni teatrino è accompagnato da una citazione, che vuole costituire un varco per la comprensione di quanto rappresentato e che, invece, talvolta ne accresce il mistero. I differenti piani prospettici equivalgono, infatti, ad altrettanti livelli di lettura e di interpretazione delle opere, spesso bifacciali, in cui l’artista inserisce materiali provenienti da fonti lontane tra loro: sassi, vetro, incisioni sette e ottocentesche ritagliate con minuzia.

Chiara Briganti (Montpellier, 1921)

Atelier DELL’ERR0RE, Siamo l’inciampo, superiamo le scale volando

Stanza 5 (scale)
Atelier dell’Errore è un laboratorio ideato da Luca Santiago Mora nel 2001 per i bambini della Neuropsichiatria Infantile, prima per la A.U.S.L. di Reggio Emilia, poi anche per l’A.O. Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
Si chiama così, perchè, racconta Luca Santiago: “all’inizio mi sentivo un errore stando lì, con loro. Poi ho scoperto che loro si sentono quasi sempre errori, grazie a noi “normali”: a scuola, sull’autobus, alle feste di compleanno a cui non vengono invitati mai. Ma anche che sull’errore si può costruire un meraviglioso metodo di lavoro per riscattare la potenzialità  poetica di questi ragazzini, sconosciuta a molti, a me per primo”.
Atelier dell’Errore disegna esclusivamente animali e, per la scalinata di Casa Testori, ha deciso di scegliere dall’Atlante di Oltre Zoologia solo creature in grado di volare, proprio quelle che non hanno bisogno della scala per ascendere. Quegli animali che “pur essendo materia d’inciampo, errori per dirla tutta, ci lasciano attoniti, faccia all’insù, con un facile colpo d’ala”.

 

4. PIERO PIZZI CANNELLA, Bon à  tirer

Stanza 4
La produzione incisoria di Piero Pizzi Cannella, esponente della Scuola di San Lorenzo, può essere considerata come una sintesi del suo fare artistico, innanzitutto per la ripresa dei soggetti tipici del suo linguaggio espressivo, che nell’essenzialità  del segno e dell’assenza di colore ne estremizzano le caratteristiche archetipiche. Sono oggetti domestici, sottratti dal contesto e dalla loro funzione e assurti a icona, accompagnati, talvolta, da una frase o da una parola sibillina. Attraverso la tecnica dell’acquaforte e del carborundum, sotto la guida sapiente della Stamperia d’Arte Albicocco di Udine, il segno acquista maggiore o minore precisione e consistenza, diventando affilato come la punta di una freccia oppure facendosi di velluto nel lampadario o nel collier.

Piero Pizzi Cannella nasce nel 1955 a Rocca di Papa (RM)