fbpx

Month: Giugno 2020

Ricordanza – Adi Haxhiaj e Agata

Ogni cosa passa e lascia ed è proprio quello che resta che l’immagine che abbiamo costruito cerca di mostrare. 
In una sorta di costruzione di una memoria del presente, ho fotografato tutti i disegni/dipinti che mia figlia Agata ha realizzato dall’8 marzo al 31 maggio 2020. Nel tentativo di cogliere l’unità dal molteplice, tutte le fotografie sono state sovrapposte digitalmente le une sulle altre fino a disgregarsi, ma la diluizione cromatica di esse è semplicemente una via ad una nuova costruzione che viene affidata allo sguardo di chi osserva l’opera. 
La percezione e la produzione dell’immagine colta nel suo scorrimento, consente all’opera di divenire un contenitore di un tempo e di un luogo emotivamente vissuto. 

 Ricordanza – A.H. (08 marzo – 31 maggio 2020), 2020, Stampa ink-jet su carta fine art, Cm 80 x 60.  

Supercall – la mostra


SUPERCALL-LA MOSTRA Dal 27.6.2020 al 16.7.2020
Inaugurazione 27 giugno 2020 h 17.00 A cura di Supergiovane,
in collaborazione con Casa Testori, Studio 4×4,
Via Garibaldi 34, Pietrasanta (LU).

Dal comunicato:
Supergiovane è lieta di comunicare l’inaugurazione della mostra “SUPERCALL”. Lanciata sui canali social durante la quarantena, la call di Supergiovane : “SUPERCALL” ha raccolto le testimonianze visive e personali di oltre 50 artisti contemporanei operanti in Italia e all’estero. Con l’intento di rintracciare i sentimenti dell’inedito stato di attesa durante il lockdown ed evidenziare le possibilità lavorative-artistiche anche in un periodo di stop, la Supercall ha rintracciato negli artisti la forza di una vocazione personale del proprio lavoro, innestando un’energia e una resistenza che approda, grazie all’invito di Casa Testori, nella mostra. Nello spazio dello Studio 4×4 di Pietrasanta la selezione dei 13 artisti invitati ad esporre crea diversi dialoghi tracciati da legami fisici e visivi tra le opere, disposti a sfidare un tentativo di dialogo dal vivo. Sono accomunati dallo studio dei rilievi e delle forme impresse nella carta delle stampe di Ludovico Bomben e di Elisa Carutti, che introducono alla mostra. Bomben si inserisce nella trama della monocromia e nello studio astratto delle superfici mentre, nel caso di Elisa, il rilievo è vissuto e martoriato nelle trame delle rocce impresse sulla carta. Anche per Gaia Bernasconi la carta è il tramite per dare vita alle figure ritagliate e rinchiuse tra collage di fiori in ampolle di vetro dal sapore antico, figure segnate che non sono passate indenni al peso della vita, così come nelle micro installazioni di Camilla Alberti in cui il detrito raccolto, etichettato e fatto proprio è minuziosamente disposto a ricreare ambienti silenziosi, quasi piccole armonie o parchi gioco per formiche appassionate di modernismo. Nella stanza principale l’installazione delicata e sensuale di Agnese Spolverini costruisce l’ambiente ideale per un dialogo tutto al femminile. Nell’opera della Spolverini la veneziana rosa e il tappeto evocano una situazione di attesa, di presenze, che in realtà vivono e sussurrano al di là dello spazio creato dai materiali, in sintonia con la narrazione di immagini fotografiche di Eleonora Roaro che cancella con smalto rosa i corpi degli uomini in foto di matrimonio definendo la loro presenza non più necessaria alla narrazione, come una sorta di vendetta privata. Anche nel lavoro di Francesca Mussi la presenza della figura gioca un ruolo fondamentale: nei lavori presentati l’artista racconta per immagini una performance che non ha mai preso atto, dove il divano diventa emblema dello spazio in cui la figura stessa appare o scompare, come velata da un frame che non viene esposto. Altrettanto velate sono le apparizioni che Giulia Cacciuttolo realizza con numerosi strati sovrapposti di organza di seta stampata in bianco e nero da scansioni positive di negativi analogici, a formare quasi un tendaggio, in cui nel tempo si è impresso un paesaggio o quel che ne resta via via. La mostra prosegue nella corte esterna, e qui, a dare vita alle mura antiche, la pittura prende corpo nel dialogo tra i lavori di Beatrice Gelmetti, Francesco Zanatta e Jingge Dong accomunati dalla provenienza di area veneta, nei lavori di Gelmetti, come di Jingge, la materia e il gesto costruiscono forme appena intuibili. Più sinuose nella prima e più liquide nel secondo. Nelle tele di Zanatta le figure si impongo nell’immaginario dell’osservatore tramite metamorfosi e dialoghi con il paesaggio che le accompagna in un turbinio di colori. Un paesaggio ibrido o mutevole porta alle due opere conclusive della mostra. L’opera di Kristian Sturi si increspa come una superficie epidermica in dialogo con le variazioni ambientali e luminose, contrastando la superficie erosa del torrione. Allo stesso modo, la scultura in vetro di Matteo Messori si impone sul suolo della corte scomparendo delicatamente nella suggestiva atmosfera dello spazio, una forma ben definita che danza e si fonde nello spazio.

Artisti invitati: Camilla Alberti, Gaia Bernasconi, Ludovico Bomben, Giulia Cacciuttolo, Elisa Carutti, Beatrice Gelmetti, Jingge Dong, Matteo Messori, Francesca Mussi, Eleonora Roaro, Agnese Spolverini, Kristian Sturi, Francesco Zanatta. Supergiovane è un progetto indipendente nato a Milano nel 2018, finalizzato all’incubazione e accelerazione di idee super di giovani artisti.

Per info: supergiovane.com info@supergiovane.com @_supergiovane_ 

Spedizione Cima Carega

A cura di Giuseppe Frangi

Domenica 5 luglio 2020
Partenza: ore 8.00 Rifugio Revolto (1.336 metri);
Arrivo: ore 11.00 Cima Carega (2259 metri)

L’ultima performance artistica di Andrea Bianconi nasce dal pensiero meditato durante il lockdown: la ricerca della libertà negata, ma tanto ambita, il desiderio di fuggire dalle 4 pareti di casa e andare su, su per poter ammirare il mondo dall’alto. Matura proprio durante il periodo in cui gran parte dell’umanità è stato costretto a rimanere isolata, l’ultima idea artistica di Andrea Bianconi: portare l’arte in uno spazio sconfinato e da lì contaminarla nel più assoluto silenzio. Così prende corpo l’idea che domenica 5 luglio si materializzerà: portare una poltrona del progetto “Sit down to have an idea” in cima a una montagna, la vetta più alta delle piccole Dolomiti. “Spedizione Cima Carega” è infatti la nuova performance che Andrea Bianconi ha progettato in collaborazione con Casa Testori e Fondazione Coppola e che vede protagonisti, insieme all’artista, un gruppo di runner che, a turni di 10 minuti, porteranno in spalla la poltrona partendo dal Rifugio Revolto (1.336 metri) per arrivare alla Cima Carega a 2259 metri (con un dislivello di 1000 metri). Una montagna lontana da tutto, ma nella realtà da dove si può ammirare un paesaggio che tocca tre diverse regioni: Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. 

Il progetto, nella realtà, è un sogno che si realizza per Andrea Bianconi. Come scrive Giuseppe Frangi nel suo testo critico “È un paesaggio fisico che probabilmente è diventato anche paesaggio mentale: possiamo immaginare che nei sogni notturni di Bianconi bambino quella montagna sia stato teatro di chissà quali avventure. Dato che un artista poco o tanto resta sempre bambino, i sogni di Andrea oggi non sono molto diversi. E tra i sogni c’è stato forse anche quello di fare della montagna un prolungamento dei propri spazi abituali… Ora ha immaginato questo upgrade: portare in alto la poltrona come si trattasse di un rito celebrativo. Consegnarla allo spazio rarefatto della montagna perché la custodisca e lei, da lassù, possa irradiare l’aria sottostante con le sue emissioni generose e positive”.

Ora una delle poltrone, dopo aver invaso la città di Bologna in ogni suo angolo – piazze, monumenti, uffici pubblici, scuole, ristoranti – arriva sulla Cima Carega grazie alla collaborazione dei runner di Durona Team che ha ideato la Durona Trail, una gara estrema che dalla valle del Chiampo arriva alle piccole Dolomiti e il Parco Naturale della Lessinia, con un dislivello di 2800 metri. Lì rimarrà per sempre sulla cima che abbraccia le tre regioni a disposizione di quanti vorranno avventurarsi fino alla vetta e godere da lì dello straordinario panorama. A prendersi cura dell’opera sarà il rifugio Fraccaroli gestito da oltre 50 anni dalla Famiglia Baschera. Punto di arrivo e di partenza per la maggior parte delle escursioni nella catena, il rifugio Mario Fraccaroli (2239 m) si trova poco sotto Cima Carega (2259 m) nel comune di Ala (provincia di Trento).

Costruito nel 52, è circondato tutt’attorno da una panoramica terrazza che spazia su gran parte delle Alpi orientali, dalle Dolomiti e dalle Pale di San Martino alle Dolomiti di Brenta, fino a Venezia e al mare Adriatico nelle giornate eccezionalmente limpide. 

Il progetto di Andrea Bianconi, dunque, apre gli spazi a nuove forme di fruizione dell’arte spingendosi fino alle vette dove poter arrivare, fermarsi, meditare e fruire di un’opera d’arte incorniciata da uno straordinario e infinito paesaggio naturale.

Spedizione di: Durona Team
La poltrona verra custudita dal Rifugio Fraccaroli

Dialoghi di Piazza Selinunte

Incontri aperti sull’identità di una periferia

Ciclo d’incontri sulla piattaforma Zoom, a partecipazione libera. Dopo le domande di chi conduce, ci sarà spazio anche per le domande di chi partecipa.

18/06/2020 ore 18.30 – Pericle in periferia
Incontro con Aldo Scarpis docente di greco al Liceo Parini. Conduce Simone Krasnovski.
Qui il video dell’incontro: https://youtu.be/dWt9qEQkgWU

25/06/2020 ore 18.30 – Piazze sul confine
Incontro con Viviane Riqueur, insegnante del Liceo Francese di Piazza Segesta. Conduce Pierpaolo Casarin.
Per partecipare clicca qui: https://zoom.us/j/92251884680

02/07/2020 ore 18.30 – La casa lontana da casa
Incontro con Marta Cereda, curatrice del progetto Appocundria e con Giovanni Hänninen, fotografo, e Alberto Amoretti, videomaker. Conduce Giuseppe Frangi
Per partecipare clicca qui: https://zoom.us/j/94356497518

09/07/2020 ore 18.30 – L’arte, un’energia sociale?
Incontro con Maurizio Guerri, docente dell’Accademia di Belle Arti di Brera. Conduce Pierpaolo Casarin.
Per partecipare clicca qui: https://zoom.us/j/93552911009

Questo ciclo di incontri fa parte del progetto Art&Philosophy for community, a cura di Casa Testori, in collaborazione con Laboratorio di Quartiere San SiroAmici del LaboratorioPropositi di filosofia s.n.cAssociazione Punto.it, con il contributo del Comune di Milano.

Maria Teresa Ortoleva, Aurora e Tabita – Play Mat (3-voice polyphony)

Questo foglio (100x70cm) é stato il nostro tabellone da gioco, il nostro “tappeto” e il nostro think pad, per molti giorni: sul balcone a guardare e tracciare le ombre, a fare i contorni di piedi e giocattoli, poi accompagnando con suoni e parole inventate i segni, poi inventando dei modi di scriverne alcune e infine facendo persino da pista per trenini e macchinine. Aurora (2 anni e mezzo) ha guidato il lavoro coi suoi segni, suoni e giochi, Tabita (7 mesi) ci ha dettato le regole del gioco e le condizioni ambientali stando in braccio, salendo sul foglio, facendo suoni e tenendo qualche pastello anche lei. Io mappavo le cose che osservavo, soprattutto le relazioni del nostro modo di stare insieme, il crearsi di idee e immagini una in risposta all’altra, e annotavo i diversi eventi effimeri che avevano luogo attorno al disegno.

Da mamma e artista spesso lavoro e bimbe (lo studio e la casa) non hanno confini di separazione fissi. Però é le prima volta che anziché disegnare io con Aurora, provo a fare l’inverso: Aurora guida me nel fare uno dei miei disegni. E’ stato molto affascinante, anziché continuare a lavorare “nonostante“ le bimbe, accettare di perdere in parte il controllo sul mio lavoro e imparare ad accogliere tutti i loro interventi esterni come contributi attivi al disegno… e partire in direzioni inaspettate.
Maria Teresa Ortoleva

Play Mat(3-voice polyphony), 100 x 70 cm.

previous arrow
next arrow
Slider


Maria Teresa Ortoleva (Milano, 1990) vive e lavora a Londra.