fbpx

Marta Carenzi, EDOLO 1:3, 2017

«Questo è il titolo. Si legge: Edolo uno a tre, nel senso della proporzione, che è relazione. Ogni immagine è costituita dalla relazione tra le tre immagini. Il trittico porta, in sé, questa relazione (di segni, luci, ombre, soggetti, forze, pesi), sempre raccontata con i tempi lunghi e sospesi della fotografia di paesaggio». 
Sono la sintesi formale e la chiarezza didascalica tipiche dei fotografi che discendono da Luigi Ghirri o Giovanni Chiaramonte. Si trattava di quindici gioielli, con cui raccontare la propria Edolo, una città invasa dal sole, fatta di silenzio, di un oggetto da usare come perno per tre scorci, di alcune linee spericolate che tendono allo spasimo gli incroci, di due coppie di condotti che sembrano innervare e smottare la città. Al centro, un concerto di cubi vuoti e pieni e, a chiudere, un elogio del legno, che pone il fine, tra il rigore e il caos.

Carenzi_1
Carenzi_2
Edolo2017-35-Modifica
Edolo2017-53-Modifica
Edolo2017-58-Modifica
Edolo2017-59-Modifica
Edolo2017-63-Modifica
Edolo2017-127-Modifica
Edolo2017-131-Modifica
Edolo2017-135-Modifica
Edolo2017-139-Modifica
Edolo2017-150
Edolo2017-170
Edolo2017-330-Pano-Modifica
Edolo2017-422
Edolo2017-430
Edolo2017-545a
previous arrow
next arrow

Contexto 2017

Posted on: 1 Aprile 2020, by : Alessandro Frangi