fbpx

Una riflessione anche politica sull’abitare

Appocundria, Casa Testori, 2019 © Maki Ochoa-10
22_Nicolas Vamvouklis_And it feels like home II_ 2017
Appocundria, Casa Testori, 2019 © Maki Ochoa-11
MohamedKeita33_50
9_Mohamed Keita_via Ostiense_2017
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
previous arrow
next arrow


Stefan Milosavljević, nato in Serbia
Così come in Butterfly On Fire, al piano terra di Casa Testori, in cui la storia personale e nazionale venivano unite in un’unica narrazione velata come ludica, anche in questo lavoro di Stefan Milosavljević le dimensioni del gioco e del mascheramento sono essenziali. Il punto di partenza è il medesimo: la ricerca di appartenenza e il lascito che segue un cambiamento di condizione. Secondo l’artista, la casa condiziona i comportamenti e la cultura domestica: una volta perso questo luogo sicuro si cade nel limbo tra essere sconfitti o sconfiggere. Partendo dall’esperienza personale, ho voluto approfondire il cambiamento dell’essere umano sociale in corrispondenza al suo luogo naturale, alla sua comfort zone e alla perdita di essa. 
Carnivous Carnival è una riflessione sul rapporto tra preda e predatore, sulla capacità di camuffamento e di penetrazione di ogni forma di violenza e crudeltà, soprattutto la più sottile che diviene affascinante pur rimanendo animalesca: una “violenza decorata” talvolta per spostare l’attenzione su un particolare diverso del racconto e talvolta per sottolinearne ironicamente il contrasto.

Mohamed Keita, nato in Costa d’Avorio
La narrazione autobiografica, pur non essendo mai esplicitata nel lavoro di Mohamed Keita, è essenziale per comprendere le ragioni del suo indugiare e la direzione del suo sguardo. Il fotografo ha lasciato il suo paese natale, la Costa d’Avorio a 14 anni ed è partito, solo, per un viaggio attraverso Guinea, Mali, Algeria, Sahara, Libia e Malta. Tre anni dopo è arrivato a Roma, diciassettenne. Ha conosciuto e abitato la strada ed è questa stessa strada che immortala con il suo occhio attento e privo di retorica. Ritrae la sua Roma, assolata e luminosa, e raccoglie le tracce di chi questa stessa attraversa o chi vi abita.

Nicolas Vamvouklis, nato in Grecia
Nel 2016, lo Zoo di Berlino ricoverò i propri fenicotteri come misura precauzionale dopo che i primi casi di influenza H5N8 furono confermati in Germania. Riprendendo questo momento in un loop che lo replica all’infinito e mantenendo una distanza da birdwatcher, da osservatore esterno al sistema, Nicolas Vamvouklis traccia un parallelismo tra società umana e animale, evidenziando dinamiche di dominanza, oppressione ed esclusione. Il riferimento è anche e ovviamente alla sua patria, Lesbo, uno dei punti focali dei flussi migratori e della crisi umanitaria europea.
A sottolineare questa relazione, l’installazione ambientale Granted there is a wall, what’s going on behind it? raccoglie una serie di oggetti che accompagnano l’artista nei suoi traslochi tra Grecia e Italia e che riassumono il rapporto tra spazio abitato, oggetti, corpo. 

Posted on: 20 Marzo 2020, by : Alessandro Frangi